Calcio: SERIE A – Finalmente Boxing Day

483

La serie A non si ferma a Santo Stefano e ci regala un grande spettacolo!! Sia di pubblico che di risultati, entrambi per certi versi inaspettati.
Si comincia subito con un clamoroso pareggio del Milan ospite in terra ciociara, solo il VAR impedisce, giustamente, al Frosinone di infierire sul “povero diavolo”. Il Milan di Gattuso sembra veramente alle corde e comincia a doversi guardare alle spalle.

Zaniolo goal alla Totti

La Roma alle 18.00 ospita in casa il Sassuolo ma per gli emiliani non c’é storia. Prima il rigore di Perotti, poi Schick e Zaniolo, al suo primo gol in serie A, stendono al tappeto i neroverdi. Di pregevole fattura il gol dell’ex nerazzurro, freddezza e tecnica di un veterano per questo ragazzo che si sta guadagnando l’amore del pubblico a suon di prestazioni maiuscole. Solo per il tabellino il gol di Babacar al 90esimo.

Si ferma la Juventus

Incredibile a Bergamo , solitamente terra di conquista per la Juventus, ma stavolta i ragazzi di Gasperini non ci stanno. L’ Atalanta risponde al momentaneo vantaggio bianconero su autogol di Djimsiti con la doppietta dell’indomito Zapata. Allegri é costretto a giocarsi la carta “Cristiano Ronaldo” a partita in corso, il portoghese avrebbe dovuto riposare in questa giornata, riuscendo così a trovare il pareggio al 78esimo.

Il Big Match della giornata é Inter-Napoli.

I nerazzurri cominciano alla grande, Icardi su calcio d’inizio va a colpire la traversa con un tiro da 53 metri di distanza dalla porta. Nel primo tempo la partita é dominata dai ragazzi di Spalletti. Molte le occasioni, dal colpo di testa di Joao Mario al tu per tu del capitano nerazzurro con Meret, l’argentino avrebbe potuto anche prendersi un facile calcio di rigore ma si dimostra campione di onestà e preferisce cercare il gol fino all’ultimo piuttosto che lasciarsi andare sul tocco dell’estremo difensore partenopeo, Koulibaly salva sulla linea. Annullato dal VAR un gol a Perisic per giusto fuori gioco. Nel secondo tempo il Napoli entra meglio in campo ma non crea pericoli all’Inter. Di nuovo il capitano nerazzurro va vicino al gol con un colpo di testa sventato da Meret.
All’81esimo l’episodio che cambia la partita: Politano si invola sulla fascia costringendo Koulibaly, migliore in campo degli azzurri, alla trattenuta e quindi al giallo. Il francosenegalese risponde all’arbitro con un plateale applauso di protesta nei confronti del signor Mazzoleni che lo porterà giustamente anticipo negli spogliatoi.
Il Napoli non demorde e va vicinissimo al gol 2 volte nella stessa azione. Prima Handanovic, quasi inoperoso fino a quel momento, e poi Asamoah sulla linea, impediscono il tracollo dell’Inter.

Lautaro in Zona Inter

Al 92esimo i tre nerazzurri appena entrati dalla panchina sono i protagonisti dell’ennesimo compiaccio targato INTER. Keita Balde,che si era appena visto negare un rigore dal direttore di gara, si invola sulla fascia e di esterno la mette dentro, Vecino stavolta “non la prende” e con un velo strepitoso mette la palla sui piedi del “Toro” Martinez…. stavolta l’argentino non cincischia e trova un gol importantissimo con un sinistro velenoso su cui Meret non può nulla. Gol importantissimo per il giovane argentino ma soprattutto per l’Inter che “riapre” il discorso secondo posto con il Napoli che invece non approfitta della piccola sbandata della capolista.
Nel finale brutto gesto di Insigne che cerca di scalciare in tutti i modi il nerazzurro Keita, anche lo scugnizzo napoletano verrà espulso da Mazzoleni.

Gli altri risultati di giornata:
Fiorentina – Parma 0-1
Bologna – Lazio 0-2
Cagliari – Genoa 1-0
Sampdoria – Chievo 2-0
Torino – Empoli 3-0
Spal- Udinese 0-0