Calcio: SERIE A – Napoli Trionfa ad Udine, Milan KO al 92′ con Icardi.

133

La Nona giornata della serie A si apre con gli anticipi del sabato che vedono protagoniste le tre forze dell’ordine scorso campionato: Roma , Juve e Napoli

All’Olimpico di Roma la prima sorpresa della giornata. 
I giallorossi escono clamorosamente sconfitti dalla partita casalinga contro la Spal.
Nonostante l’ottimo avvio e la traversa nel secondo tempo del solito Lorenzo Pellegrini, sono il rigore siglato da Petagna ed il colpo di testa di Bonifazi su calcio d’angolo a decidere il match.
La Roma si è smarrita di nuovo.

Alle 18 ci trasferiamo allo Juventus Stadium di Torino per quella che sulla carta non sarebbe stata affatto una partita facile per i bianconeri, nonostante l’assurdo cambio di tecnico sulla panchina genovese.
Buona la prima quindi per i ragazzi di Juric che nonostante il gol del vantaggio bianconero,  del solito Cristiano Ronaldo, trovano il pareggio con l’ex interista Bessa.
Juventus colpevole di non aver cercato con la giusta cattiveria il gol del raddoppio.

Nella serata uno scoppiettante Napoli vince ad Udine con un netto 0-3
Fortunato nel cambio Ancelotti che deve sostituire al quinto minuto Simone Verdi, sarà proprio il neo entrato Fabian Ruiz a portare in vantaggio i partenopei.
Il raddoppio lo sigla su calcio di rigore Mertens , sempre dai suoi piedi arriva l’assist per il definitivo 0-3 di Rog.

La domenica si apre con l’anticipo delle 12.30 , Frosinone-Empoli.
Roboante 3-3 per i ciociari che si fanno raggiungere dai toscani al 79esimo col gol di Salih Ucan , ex Roma.

Alle 15 la Lazio riesce a sbloccare la partita in casa del Parma solo grazie ad un calcio di rigore siglato da Immobile all’81esimo, raddoppia poi al 90esimo Correa.
Debutto amaro di Ventura sulla panchina del Chievo, l’Atalanta asfalta la squadra dell’ex tecnico della nazionale con un rotondo 1-5, protagonista Ilicic con una tripletta.
Il Torino dopo il doppio vantaggio si fa riprendere da un arcigno Bologna, si chiude infatti sul 2-2 la partita al Dall’Ara.

Ore 18.00 , é il turno di Fiorentina-Cagliari, dopo un primo tempo che ci regala ben poco oltre al vento incredibile, Veretout apre le marcature grazie ad un rigore procurato da Chiesa e segnalato dal VAR.
Risponde al gol dei gigliati il neo entrato Pavoletti con un allungo in scivolata che gli permette di superare Lafont , il portiere viola sarà uno dei migliori in campo per i suoi.

IL DERBY DELLA MADONNINA

Stadio Meazza , ore 20.30 , Inter e Milan si giocano la prima stracittadina.
Le premesse sono diverse dai due lati di Milano, c’è chi gioca per qualcosa di importante, per continuare un percorso finalmente avviato e chi per cominciarlo.
E l’approccio alla partita delle due milanesi lo dimostra subito!
L’Inter è subito padrona del campo , imposta ed attacca, i ritmi sono molto alti, come lo è il pressing dei nerazzurri appena perdono palla.
Al 12esimo Icardi va in gol su cross di Brozovic, sarà il VAR a vedere un impercettibile deviazione di Vecino e quindi ad annullare il gol del capitano nerazzurro.
A seguire un ottima parata in tuffo di Donnarumma sulla girata di testa del croato Perisic.
Per non farsi mancare nulla , su azione di corner, De Vrij colpisce l’incrocio dei pali.
Da segnalare per il Milan il di Musacchio al 43esimo, giustamente annullato senza neanche l’ausilio del VAR , azione identica al gol di Icardi ma ben visibile ad occhio nudo.

Il secondo tempo non è emozionante come il primo ma le tinte sono sempre quelle nerazzurre.
Solo Biglia cerca di intimorire il suo portiere con un retropassaggio calibrato male che per poco non si trasforma nel più goffo degli autogol.
La partita sembra avviarsi lungo un deludente pareggio per la squadra di Spalletti, pareggio che sarebbe andato bene ai ragazzi di Gattuso che sembrano aver giocato solo per quello.
Siamo al novantesimo, tre minuti di recupero, zona Inter, il tecnico rossonero cerca di spezzare il ritmo con l’ultimo cambio a disposizione, entra Abate.
Palla ai nerazzurri , Vecino crossa in area, palla tesa verso il secondo palo, Donnarumma la legge male e sbaglia l’uscita, il numero nove nerazzurro è letale!! Mauro Icardi con un colpo di testa decide ancora una volta il derby di Milano!

Da segnalare l’infortunio di Radja Nainggolan per un contrasto con Biglia, ruggini del derby romano?

La classifica: