MotoGP: Ducati, visto che Lorenzo ?

283

Montmelò – Ancora Jorge Lorenzo, il maiorchino, dopo aver dominato il Mugello concede il bis in terra catalana. Chissà cosa penseranno ora in casa Ducati di un Lorenzo in queste condizioni proprio mentre Dovizioso passa più tempo sulla ghiaia che in pista.

La Gara

In griglia la gomma più gettonata è la doppia soft, non per Marquez che opta per i pneumatici hard. Marc scatta a molla, basta un giro però a Jorge per passare Marquez alla staccata del rettilineo e provare la fuga. Marquez è duro a morire e resta lì grazie alla sua scelta di gomme che gli garantiscono più resistenza sulla lunga durata. Al 10° giro la svolta in casa Ducati, Dovizioso scivola e finisce nella ghiaia e Lorenzo dà il primo strappo. È l’allungo decisivo. Marquez molla, Rossi è splendido terzo, sempre più costante e forse rimasto l’unico avversario credibile di Marquez.
Nel box Ducati c’è festa a metà, Lorenzo vince la sua seconda gara ma Dovizioso si allontana forse in maniera definitiva dal sogno iridato.

Le Parole dei protagonisti

Lorenzo: “Centrare la seconda vittoria di fila è fantastico – dice Jorge -, è straordinario come le cose siano cambiate in un periodo così breve. Fantastico vincere due gare di fila con la Ducati. Avevo qualcosa in più di Marc in staccata, ma lui era sempre lì, poi dopo la caduta di Dovi ho deciso di spingere di più”. “Marquez mi teme? Credo che io e lui se stiamo bene possiamo fare la differenza: il mio ‘click’ non è stato mentale: se avessi avuto questo pacchetto prima avrei iniziato a vincere prima”.
Marquez: “Abbiamo fatto un ottimo lavoro nel weekend- dice Marc -, abbiamo scelto la gomma giusta per noi, ma era impossibile battere la Ducati, la potevo seguire per qualche giro, non di più. La cosa più importante però è di aver aumentato il vantaggio in campionato. Ho attaccato per 5 giri, poi ho visto che Dovi era caduto e ho pensato che 20 punti sono buoni”. 
Rossi: “Sono contento, è un buon risultato – dice Vale – , dopo le prove era chiaro che le Ducati e Marquez ne avessero più di noi. Io ho lottato forte, ho scoperto di essere un po’ più veloce del previsto e ho preso punti importanti considerato che qui l’anno scorso abbiamo sofferto molto. Ero molto preoccupato, ma alla fine la gomma davanti è andata molto bene; purtroppo all’inizio la moto scivolava un po’ però ho tenuto un buon passo fino alla fine e non sono arrivato molto lontano dai primi.