MotoGp: il solito Marquez

266

JEREZ – Seconda vittoria consecutiva per il campione del mondo che conferma il suo ottimo momento di forma. Completano il podio un ottimo Zarco, 2° al traguardo e nel mondiale, a 12 punti da Marquez, e Iannone, che replica il 3° posto di Austin. Dietro di loro, approfittando del patatrac delle Ducati, arrivano rispettivamente quarto e quinto Danilo Petrucci ed un sempre più in crisi Rossi.

Ottima partenza di Lorenzo poi… il patatrac

Partenza a razzo dello spagnolo che, unico con la soft all’anteriore mette in fila Pedrosa, Zarco, Crutchlow e Marque. Bastano però solo 3 giri al campione del mondo per essere già secondo con un bellissimo attacco al compagno Dani. Zarco sbaglia e perde la posizione, Rins e Crutchlow decidono di autoeliminarsi andando a terra mentre erano 5° e 4°.
Durante l’ottavo giro la fuga di Lorenzo finisce: Marquez passa ma Lorenzo tiene bene il passo per qualche giro fino a mollare quando Marc decide che è ora di scrollarsi di dosso gli inseguitori.
Ad 8 giri dalla fine il patatrac, Dovizioso entra deciso su Lorenzo e va lungo, il maiorchino, forse sorpreso dalla manovra del compagno di squadra, chiude troppo verso la corda e non si accorge che ormai Pedrosa era passato e lo prende in pieno, della carambola maledetta ne fa le spese anche il povero Dovizioso che sembra unico veramente incolpevole dei tre. Tutti nella sabbia, Marc e gli inseguitori del podio ringraziano.

Le parole dei protagonisti

MARQUEZ: “Sono molto contento è grandioso, e dire che non ero convintissimo di vincere prima del GP. Oggi sono stato attento e ho spinto sapendo che Dani era forse più forte di me. Ma questa è una gara lunga in cui bisogna mantenere l’attenzione fino alla fine. Ci voleva un risultato così in Spagna, il weekend è stato duro, non avevo molto feeling con la moto. Non potevo andar via prima oggi, qui Pedrosa è sempre veloce. Oggi ho visto che si faceva fatica a passare Lorenzo, così quando l’ho passato ho provato ad allungare. La scivolata? Ho rischiato molto, ho visto che c’era ghiaia e ho chiuso quando era troppo tardi. Dai ho fatto un po’ di spettacolo alla Marquez!”.

ZARCO: “Ho avuto un po’ di fortuna avrei potuto essere più veloce in partenza rispetto a Pedrosa, poi non avevo margine per passarlo, non ci sono mai riuscito. Facevo la mia gara e quando sono caduti in tre davanti a me non ci credevo, ho mantenuto la calma ed è andata bene”.


IANNONE:
 “Ho fatto un errore con la gomma posteriore avevo scelto la media ma in griglia abbiamo optato all’ultimo per la dura e questo mi ha fatto faticare. È esperienza, sono felice per il podio che fa morale e ci permette di migliorare in tante cose, la strada è positiva ed è importante continuare su questo cammino”.