Trentaquattresima Giornata Serie A

327

KOULIBALY FA IMPAZZIRE NAPOLI

Esplode la festa in tutta Napoli e non solo. La squadra partenopea riesce l’impresa di battere la Juventus per 1-0 grazie ad un colpo di testa del difensore Koulibaly, su corner battuto da Callejon, e si porta a -1.

Sicuramente vanno dati grandi meriti alla squadra di Sarri che ci ha creduto fin dall’inizio ma la Juve si è mostrata per larghi tratti rinunciataria, come se volesse amministrare la partita e rimanere a +4. Higuain e  Dybala non sono mai stati pericolosi, al contrario di Hamsik e compagni, soprattutto nel secondo tempo quando si è accesa la partita.

Dopo undici minuti si deve arrendere Chiellini per un infortunio muscolare. Al suo posto entra Lichtsteiner. La prima occasione è per la Juve: calcio di punizione di Pjanic, deviato da Callejon sul palo esterno a Reina battuto. Il Napoli con il passare dei minuti cresce e si rende pericoloso con un tiro-cross di Mario Rui che per poco non sorprende Buffon. La migliore opportunità è di Hamsik che di sinistro da buona posizione calcia male. Nel secondo tempo Allegri sostituisce Dybala e fa entrare Cuadrado mentre Sarri inserisce Milik al posto di Mertens. Al 90′ la svolta: Callejon batte il calcio d’angolo e Koulibaly stacca più in alto di Benatia e regala una vittoria importantissima al Napoli che ora sogna in grande.

Nella prossime giornate la Juve va prima a Milano contro l’Inter e alla penultima va nella Capitale cobntro la Roma. Le altre due in casa sono contro il Bologna e il Verona.

Al contrario il Napoli ha la trasferta di Firenze, il match casalingo contro il Torino, Samp in trasferta e Crotone in casa.

LA ROMA NON SI DISTRAE

La Roma, nonostante l’impegno incombente di domani contro il Liverpool e l’ampio turnover scelto da Di Francesco, batte comunque 3-0 la Spal in trasferta. Il tecnico giallorosso lancia Jonathan Silva, il terzino argentino preso a gennaio dallo Sporting Lisbona, Peres a destra, Gonalons e Pellegrini a centrocampo e Schick in attacco.

Dopo un buon avvio da parte della squadra di Semplici che chiede anche un calcio di rigore per fallo di Fazio su Antenucci, la Roma aumenta il pressing e va vicina al vantaggio più volte, soprattutto con El Shaarawy. Il gol arriva alla mezz’ora con l’autogol di Vicari, che anticipa Strootman, su cross basso di Pellegrini ma è sfortunato perchè devia il pallone nella propria porta. Nel secondo tempo la Roma non si rilassa, anzi, e trova gli altri due gol. E’ prima Nainggolan a raddoppiare e poi Schick a trovare il definitivo 3-0. Per l’attaccante cieco è la prima marcatura in serie A con la maglia giallorossa. L’ex Samp aveva trovato la via del gol solo in Coppa Italia contro il Torino. Nel finale ci sarebbe anche gloria per El Shaarawy ma il palo gli nega il 4-0. Ora testa al Liverpool.

POKER LAZIO

Non molla la corsa alla Champions la Lazio di  Inzaghi che rifila quattro reti alla Sampdoria con due gol per tempo. il mister biancoceleste deve rinunciare a Luis Alberto, squalificato e dopo venti minuti anche a Parolo per infortunio. Al suo posto Lukaku.

Dopo un tentativo iniziale di Barreto dalla distanza, la Lazio prende campo e trova il vantaggio con Milinkovic che, su cross di Radu, svetta su Strinic e troca l’1-0. Successivamente ci provano Leiva, Anderson, Immobile e Marusic ma è De Vrij, al sesto gol in campionato, a trovare il 2-0.

Nel secondo tempo la Lazio non rimane a guardare e segna altre due reti con Immobile. Nel primo è ben servito da Milinkovic dalla destra e lui bravo in scivolata; nel gol del 4-0 viene lanciato a campo aperto da Nani che recupera un pallone perso da Ferrari e non sbaglia la conclusione davanti a Viviano. Il sogno Champions può continuare.

INTER, LA CORSA CHAMPIONS CONTINUA

Oltre alle due romane, anche l’Inter ottiene i tre punti vincendo 2-1 contro il Chievo e continua a sperare un posto nella prossima Champions League a discapito di Roma o Lazio. Dopo un primo tempo sottotono, la partita si accende nella ripresa. I protagonisti sono i soliti due, Icardi e Perisic. Nel finale accorcia le distanze Stepinski e proprio negli attimi finali, Inglese sfiora il 2-2.

A quattro giornate dalla fine questo è il calendario che aspettano Roma, Lazio e Inter. I giallorossi giocheranno la prossima in casa contro il Chievo, a caccia di punti salvezza; la Lazio va sul campo del Torino e l’Inter ha il big match contro la Juventus. Nella giornata successiva, la 36esima, la Roma va a Cagliari, la Lazio ospita l’Atalanta e l’Inter va alla Dacia Arena di Udine. Si chiude il campionato con la Roma a Sassuolo, sicuramente già salvo mentre i biancocelesti e i nerazzurri si sfideranno fra di loro all’Olimpico.

MILAN, CHE FIGURACCIA!

Nell’anticipo del sabato il Milan perde incredibilmente in casa contro il Benevento 1-0 grazie ad una rete di Iemmello nel primo tempo e se il campionato finisse oggi, la squadra di Gattuso avrebbe la possibilità di raggiungere l’Europa League solo se vincesse la Coppa Italia.

Il Benevento invece, a causa dei risultati di ieri, è matematicamente retrocesso in serie B ma si toglie la soddisfazione di espugnare San Siro, di vincere la prima partita di campionato in trasferta nella sua storia e per la prima volta non subisce gol fuori casa. Basterebbero questi dati statistici per spiegare la pessima figura fatta dal Milan nonostante i tentativi di Bonaventura, Cutrone, la traversa di Kessie e l’opportunità di Suso, entrato nella ripresa dopo appena tre minuti.

Nelle altre partite il Sassuolo vince in casa contro la Fiorentina grazie ad un gran sinistro di Politano mentre l’Atalanta batte 2-1 il Torino grazie alle reti di Freuler e Goosens, per i granata Ljajic. Perde ancora l’Udinese, stavolta in casa contro il Crotone. Dopo il vantaggio siglato da Lasagna, la squadra calabrese rimonta con Simy e Faraoni. Finisce 0-0 il lunch match fra Cagliari e Bologna. Nel posticipo finale il Genoa batte il Verona 3-1 con le reti di Medeiros, Bessa e Pandev. Romulo, su calcio di rigore, aveva trovato il momentaneo pareggio.

Questo è il quadro delle squadre che si trovano in zona retrocessione: Cagliari e Udinese 33, Chievo e Crotone 31, Spal 29, Verona 25, Benevento 17 e già retrocesso. Nella prossima giornata ci sarà la sfida salvezza importantissima tra Verona e Spal mentre il Crotone giocherà in casa contro il Sassuolo e il Chievo andrà a Roma contro i giallorossi, forse distratti dal doppio impegno di Champions.