MotoGP: Marquez senza storia

370

Austin – Sesta vittoria consecutiva per il campione del mondo in carica Marc Marquez che rompe così il ghiaccio in questo 2018 iniziato tra le polemiche. Completano il podio un redivivo Maverick Viñales e un ottimo Andrea Iannone con la Suzuki.

Pronti via e Marquez vola

Costretto a partire dalla quarta casella dello schieramento, nonostante la pole del sabato, a causa della discutibile penalità inflittagli dalla commissione gara per aver rallentato Vinales, Marc fa subito capire che in Texas comanda lui. Nei primissimi giri solo Iannone ha provato a tenere il passo del campione del mondo ma a parte un tentativo di sorpasso subito, Marc ha gestito gli assalti del pilota italiano senza troppi problemi, prendendo subito il largo e distaccando prima lui poi tutto il gruppo. 

Viñales e gli altri

Lo spagnolo della Yamaha ha confermato in gara il buon passo che aveva dimostrato di avere in qualifica, staccando Iannone a metà gara e lanciandosi all’inseguimento di Marquez, però troppo veloce per tutti.
Quarto posto incolore per Valentino Rossi che forse dovrebbe iniziare ad avere paura del compagno di squadra. Gara di sofferenza ma molto intelligente per Andrea Dovizioso, che ha chiuso quinto davanti a Zarco, portando a casa punti preziosi per la lotta al titolo iridato, dove è salito al comando. Decimo posto per l’Aprilia con Aleix Espargaro, 11° per Jorge Lorenzo con la seconda Ducati: per il maiorchinola luce è ancora molto lontana.

Le parole dei protagonisti

Marquez:” Mai in carriera mi era capitato di fare una gara così tirata dall’inizio come oggi, per me è stata una questione di strategia, dovevo partire bene e poi spingere perché oggi non avevo la fiducia per battagliare e quindi dovevo cercare di andare in fuga per arrivare al traguardo. Abbiamo preso 25 punti e possiamo tornare in Spagna molto contenti”.

Viñales:
“Mi sono divertito tantissimo, anche se con la gomma anteriore ho sofferto molto questo weekend. Sono davvero contento. Dedico questa gara ad Hayden, sempre molto presente con noi”.
Iannone: “È una bella sensazione, sono molto contento di questo podio che è il risultato di quando non si molla mai. Io ci ho sempre cresciuto. Ho sentito tante cose dentro di me, ma ho reagito e sono tornato”
“Il lavoro ha pagato e devo dire grazie alla Suzuki, a tutto il team e a tutti quelli che hanno creduto in me. Siamo tornati e credo che ora staremo sempre lì. È stata dura essere Iannone in questo periodo, ma sono stato forte e sono riuscito a venirne fuori”.

L’Appuntamento è per il 6 maggio a Jerez.