Andata Quarti Champions: Roma, che sfortuna!

332

La Roma torna a giocare un quarto di Champions League a dieci anni dall’ultima volta. Lo fa nel bellissimo palcoscenico del Camp Nou, lo stadio del Barcellona, una delle squadre più forti del mondo. Per l’occasione, l’allenatore giallorosso Eusebio di Francesco decide di inserire dal primo minuto Bruno Peres sulla fascia destra spostando Florenzi in attacco. A centrocampo deve rinunciare a Nainggolan, out per il problema fisico subito a Bologna. Al suo posto Lorenzo Pellegrini. Dall’altra parte il tecnico blaugrana sceglie Semedo sull’out di destra; Pique ed Umtiti formano la coppia centrale; a sinistra Jordi Alba. Centrocampo a quattro con Sergi Roberto, Busquets, Rakitic e Iniesta e in attacco Lionel Messi e Luis Suarez.

Il sistema di gioco della Roma funziona a lungo, pressando alto e con personalità. La partita potrebbe cambiare al nono minuto quando Pellegrini pesca in area Dzeko che viene spinto vistosamente da Semedo. Per tutti è calcio di rigore, non per l’arbitro, l’olandese Makkelie, ricordando che in Champions non esiste la possibilità del Var. Passano circa dieci minuti e la squada catalana va vicino al vantaggio, complice un’indecisione della difesa romanista ma il palo nega la gioia del gol a Ivan Rakitic. Così il Barcellona continua ad attaccare, la Roma si abbassa troppo e arriva il vantaggio blaugrana. De Rossi nel tentativo di anticipare Messi mette il pallone dentro la propria porta. Nei minuti di recupero la Roma recrimina un altro calcio di rigore per fallo di Umtiti su Pellegrini. L’arbitro però assegna la punizione dal limite sbagliando perchè il contatto sembra avvenire sulla linea dell’area.

All’inizio del secondo tempo la Roma avrebbe una colossale occasione con Perotti che di testa sbaglia tutto. A questo punto della partita il Barcellona dilaga andando a segno prima grazie ad un altro autogol, stavolta di Manolas e poi con Pique che si fa trovare al posto giusto sfruttando una ribattuta di Alisson su Suarez. I giallorossi comunque non vogliono sbragare e dopo alcuni tentativi di Defrel e un tiro dalla distanza di Perotti, vanno a segno con Dzeko. A pochi minuti dalla fine però Gonalons non legge bene la situazione e Suarez realizza il 4-1. Al ritorno all’Olimpico la Roma dovrà comunque provarci anche se le speranze sono davvero minime.

Nell’altra partita di serata il Liverpool di Jurgen Klopp manda in estasi l’Anfield Road per la vittoria per 3-0 contro il City di Guardiola. Succede praticamente tutto in mezz’ora grazie alle reti del solito Salah, Chamberlain e Manè che ipotecano la semifinale. nel secondo tempo ci prova il Manchester a rientrare in gara ma i rEds, senza l’egiziano, uscito per un problema fisico, reggono e sognano l’impresa.