Sorteggi Ottavi Europa League

280

Dalla mano di Eric Abidal, ex campione di Lione, Barcellona e della nazionale francese, sono usciti i nomi delle avversarie che sfideranno le nostre due italiane rimaste in Europa League, il Milan e la Lazio.

Il compito più arduo lo ha sicuramente la squadra di Gattuso che dovrà sfidare l’Arsenal di Wenger; agli uomini di Inzaghi spettano gli ucraini della Dynamo Kiev.

L’Arsenal, che non aveva mai giocato finora in questa competizione, è attualmente sesta in Premier League, a otto punti dal quarto posto, occupato dai rivali acerrimi del Tottenham. E’ facile pensare che voglia provare a vincere l’ex Coppa Uefa per giocare in Champions il prossimo anno. Dispone di molte stelle a livello europeo come Lacazette, Aubameyang, Mkhitaryan e Ozil ma è anche una squadra molto discontinua nei risultati, vulnerabile in difesa.

Così ha commentato Christian Abbiati, ex portiere rossonero e ora dirigente: “E’ una sfida storica, sarà una gara davvero fantastica. Noi rischiammo di uscire con loro anche partendo da un 4-0 in casa. Perdemmo 3-0 a Londra. Il Milan può farcela, è un gruppo solido. Sta facendo molto bene e speriamo possa continuare su questa strada. Non è sicuramente l’Arsenal di una volta, affrontarlo in questo momento per noi è positivo anche se abbiamo un tour de force tra campionato e Coppa Italia. Le prestazioni di questi periodo sicuramente ci danno fiducia. Quando giocavo queste partite mi stimolavano da sole.”

Mano abbastanza fortunata per la Lazio che pesca la Dynamo Kiev. E’ una squadra relativamente giovane, seconda nel proprio campionato, alle spalle dello Shakthar Donetsk, avversario della Roma in Champions League. Ha una buona difesa e un discreto attacco. Mbokani è il miglior marcatore ma al momento è infortunato da circa tre mesi. Una delle difficoltà che potrebbero incontrare i biancocelesti è legata alle condizioni meteo ma in generale è un’avversaria abbordabile, alla portata del tasso superiore di Immobile e compagni.

Come per il Milan, a commentare l’esito è stato un grandissimo ex portiere, ora dirigente del club, Angelo Peruzzi: “La Dinamo Kiev è una squadra giovane, darà tutto. Non è facile quando rimangono così poche squadre. In Europa non esistono più le squadre materasso. Ogni partita deve essere come una finale per noi.

Entrambe le partite si disputeranno in Italia l’8 marzo (ancora da scoprire chi alle 19, chi alle 21.05). Il ritorno una settimana dopo ad orari invertiti.

Le altre partite degli ottavi: Lipsia-Zenit, Atletico Madrid-Lokomotiv Mosca, Cska-Lione, Marsiglia-Bilbao, Sporting Lisbona-Viktoria Plzen e Dortmund-Salisburgo.