Ventiduesima Giornata Serie A

395

NAPOLI OK CON MERTENS

Il Napoli vince la partita casalinga contro il Bologna per 3-1 e rimane sempre in testa. Palacio dopo appena trenta secondi porta avanti i rossoblu gelando tutto il San Paolo. Cinque minuti dopo però arriva il pareggio firmato da un’autorete di Mbaye che mette la palla dentro la propria porta. Verso la mezz’ora Napoli in vantaggio grazie al rigore di Dries Mertens a causa di una leggera trattenuta di Masina su Callejon. Nel secondo tempo è lo stesso attaccante belga a chiudere la partita con un gran destro a giro.

LA JUVE NON CONVINCE MA VINCE

Nell’anticipo serale del sabato la Juve vince 2-0 a Verona, sponda Chievo e si mantiene a -1 dal Napoli capolista. E’ una partita sicuramente decisa dagli episodi arbitrali: nel primo tempo l’arbitro Maresca espelle Bastien per doppia ammonizione e nella seconda frazione di gioco sventola il cartellino rosso pure a Cacciatore che recriminava per un calcio di rigore non concesso e fa il gesto delle manette, stile Mourinho. Così in 11 contro 9 la Juve segna prima con Khedira e poi con Higuain che torna al gol dopo un lungo digiuno.

CHE MILAN!

Sembra definitivamente passata la crisi per gli uomini di Gattuso che battono la Lazio 2-1 e raggiungono la terza vittoria consecutiva. E’ sicuramente la miglior prestazione della stagione contro una squadra forte e in salute come la Lazio che non perdeva da sei partite.

Succede tutto nel primo tempo: Milan in vantaggio dopo un quarto d’ora con Cutrone che però tocca il pallone con il braccio ma nessuno se ne accorge, pareggio immedato di Marusic e colpo di testa vincente di Bonaventura.

Con questo risultato il Milan va a tre punti dal sesto posto mentre per la Lazio è una sconfitta tutto sommato indolore perchè rimane comunque terza e le sue inseguitrici, Inter e soprattutto la Roma si sono fermate nuovamente.

INTER, BEFFA FINALE

Brutta Inter che non sa più vincere. L’ultima vittoria risale ormai 3 dicembre, dal 5-0 contro il Chievo che è ormai un lontano ricordo.

Nell’anticipo domenicale delle 12.30 l’Inter non va oltre il pareggio a Ferrara contro la Spal. nerazzurri in vantaggio nel primo tempo con l’autorete di Vicari e beffa finale nei minuti di recupero da parte di Paloschi che batte Handanovic con un gran colpo di testa su assist di Antenucci.

CRISI ROMA

Nel posticipo serale la Roma perde in casa contro la Sampdoria 1-0 e porta a sei le partite senza una vittoria, sette se si comprende anche il match di Coppa Italia e non approfitta dei passi falsi di Inter e Lazio.

Nella prima mezz’ora di gioco i giallorossi devono ringraziare Alisson, autore di diverse parate su Ramirez, Barreto e due volte su Caprari. Al 37′ però arriva la grande occasione. fallo di mano in area blucerchiata su tiro di Under: calcio di rigore per la Roma. Dal dischetto stavolta si presenta Florenzi che calcia male favorendo l’intervento di Viviano.

Nel secondo tempo la squadra di Di Francesco crea qualche occasione soprattutto con Pellegrini, Under e Dzeko esaltando i riflessi del portiere sampdoriano. A dieci minuti dalla fine passa in vantaggio la Samp con la rete di Zapata su assist di Murru aprendo la contestazione in casa Roma.

Nelle altre partite crollo della Fiorentina in casa contri il Verona che vince 4-1 con le reti di Vukovic, la doppietta di Kean e Ferrari. Per i viola gol di Gil Dias. Il Torino batte il Benevebnto 3-0 grazie a Iago Falque, Niang e Obi e stesso risultato anche per l’Atalanta in casa del Sassuolo. Marcatori dell’incontro sono Masiello, Cristante e Freuler.

Crotone e Cagliari si dividono la posta in palio: Cigarini risponde a Trotta mentre un gol di Behrami basta all’Udinese per battere il Genoa in trasferta.