Terza giornata Uefa Champions League

Roma, impresa sfiorata. Vittoria in rimonta della Juventus e sconfitta per il Napoli

295

Roma: Impresa sfiorata

Bella Roma che mette paura al Chelsea e che esce con un 3-3 d’oro e che, viste le tante occasioni, le va pure stretto.Iniziano benissimo i Blues che si portano in vantaggio all’undicesimo con un gran tiro da fuori di David Luiz e raddoppiano fortunatamente con Hazard complice una deviazione di Fazio. Verso il termine del primo tempo la Roma riapre la partita con un gran sinistro di Kolarov che piega le mani a Courtois.
Nel secondo tempo la Roma insiste e pareggia con un gol ancora più bello del primo: lancio di Fazio che trova benissimo Dzeko che si coordina e lascia esplodere un bolide potentissimo al volo. Sei minuti dopo, punizione di Kolarov che mette in mezzo per la testa del bomber bosniaco. Sembra fatta l’impresa ma Hazard si fa trovare solo nell’area piccola e batte nuovamente Alisson.

Nell’altra partita del girone C, giocata alle 18 ore italiane, il Qarabag ferma incredibilmente l’Atletico Madrid sullo 0-0.
Primo nel girone è il Chelsea con 7 punti, segue la Roma a 5, Atletico Madrid 2 e il Qarabag ottiene il primo punto della sua storia in questa competizione.

Juventus: Vittoria in rimonta

La Juve soffre per quasi tutta la partita contro lo Sporting Lisbona ma Mandzukic all’84’ fa esultare e far tirare un sospiro di sollievo a tutto il popolo juventino.Passano in vantaggio i portoghesi con un autogol di Alex Sandro che tocca quel tanto che  basta il pallone sull’uscita di Buffon. Pareggia i conti una bella punizione di Pjanic che batte Rui Patricio dalla sua “mattonella” preferita.Nel secondo tempo i bianconeri alzano i ritmi e passano in vantaggio a sei minuti dalla fine con l’attaccante croato che colpisce di testa su un cross al bacio di Douglas Costa.

Nell’altra partita del girone D, il Barcellona fa il suo contro l’Olympiacos vincendo 3-1 grazie ad un autogol di Nikolaou che si rifà poi segnando il gol della bandiera, Messi e Digne. Catalani che rimangono primi a punteggio pieno con 9 punti, seconda la Juve che insegue a 6, Sporting 3, Olympiakos 0.

Napoli: Ancora troppa differenza tra UCL e serie A

I “Citizens” passano in vantaggio al nono minuto con Sterling che approfitta di una corta respinta di Koulibaly e raddoppia quattro minuti più tardi con Gabriel Jesus su un cross basso di De Bruyne. Per quasi tutto il primo tempo è un monologo del Manchester che va vicino al gol almeno per altre due volte. Ci provano lo stesso belga che colpisce la traversa e l’attaccante brasiliano che si vede salvare il pallone sulla linea. Il Napoli avrebbe poi l’opportunità di dimezzare lo svantaggio ma Mertens tira malissimo il calcio di rigore respinto da Ederson. Non sbaglia invece Diawara nel secondo tempo sempre dal dischetto per il definitivo 2-1. Con questo risultato si complica la strada per i partenopei verso gli ottavi di finale.

Nell’altra partita del girone F, lo Shakthar Donetsk batte in trasferta il Feyenoord 2-1 ikn rimonta. Gli olandesi erano passati in vantaggio con Berghuis per poi farsi recuperare dalla doppietta del brasiliano Bernard.

Comanda il girone il Manchester City con 9 punti a punteggio pieno, gli ucraini sono secondi con 6 punti, Napoli 3 mentre gli olandesi di Rotterdam sono ancora fermi a zero punti.